Venerdì 27 Settembre – Acqua pubblica, cosa sta per succedere?

 Senza titolo-1

Venerdì 27 settembre alle ore 16.00 presso la sala del Consiglio Provinciale“Palazzo Allende” (corso Garibaldi 59, Reggio Emilia) è convocato il Forum provinciale per l’acqua.L’ordine del giorno prevede la presentazione del Memorandum realizzato da B.E.P. a cura dell’avv. Catia Tomasetti.

Come si legge dal sito della provincia, “nella seduta del 27.05.2013 l’ing. Belladonna di ATERSIR ha comunicato ufficialmente che l’agenzia ha dato seguito alla richiesta della Provincia e dei Sindaci reggiani per l’avvio del percorso di ripubblicizzazione del servizio idrico integrato. ATERSIR ha incaricato due soggetti di rilevanza nazionale ed internazionale per analizzare gli aspetti giuridici ed economici necessari per realizzare l’attività di scorporo e per il nuovo affidamento. Le due agenzie sono la NERA Economic Consulting e lo Studio Legale Bonelli-Erede-Pappalardo. […] La loro competenza è nei diversi settori del diritto e da diversi anni ha sviluppato una competenza specifica nel rapporto con le aziende del settore idrico. “

Il memorandum rappresenta “uno studio del contesto giuridico che si prospetta per la costituzione di un soggetto in-house per la gestione del Servizio Idrico reggiano.”

Il Comitato Acqua Bene Comune ha invitato a partecipare all’incontro Alberto Lucarelli, Ordinario di Diritto costituzionale- Università Federico II Napoli, e Corrado Oddi, FP CGIL Nazionale- Forum italiano movimenti per l’Acqua. Riteniamo infatti che il documento preparato da B.E.P. contenga delle criticità e vogliamo quindi portare alcune riflessioni grazie all’intervento dei nostri ospiti, a beneficio della discussione e della decisione che verrà presa durante il Forum provinciale.

Tra brevissimo infatti, i Sindaci della Provincia saranno chiamati a decidere quale sarà la nuova forma gestionale per il futuro del servizio idrico: tra una SPA di diritto privato (il cui scopo principale è il profitto) o una Azienda Speciale di diritto pubblico, che gestisca il servizio in modo efficiente, trasparente e partecipato dai cittadini e dai lavoratori. Una SPA non garantirebbe di “mettere in totale sicurezza” il risultato referendario del 2011 e la scelta coraggiosa di ripubblicizzare che la nostra Provincia sta compiendo. La gestione e il controllo della nostra acqua poi rimarrebbe fuori dalla portata dei cittadini e dei lavoratori.

E’ una scelta cruciale dunque, che i nostri sindaci devono affrontare con consapevolezza, ascoltando la voce dei cittadini, espressa in modo inequivocabile con il voto referendario.

Il comitato ha inviato ai sindaci della provincia una lettera, invitandoli a partecipare all’incontro di venerdì pomeriggio. Il percorso di ripubblicizzazione sta entrando nel vivo e la partecipazione di tutti gli amministratori locali è fondamentale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...